in

Bistrot

Bistrot” è il nuovo singolo di chiamamifaro. Bistrot arriva dopo l’esordio di Pasta Rossa, brano che supera i settecentomila stream complessivi ed è protagonista delle principali playlist per tutta l’estate (Indie Italia, New Music Friday, Scuola Indie e Top Viral 50), dopo Domenica, che ne ricalca le orme, dopo Londra, brano con cui chiamamifaro annuncia il suo ingresso nel roster di Magellano Concerti e dopo oltre due milioni di streams e ascolti complessivi. Il primo EP ufficiale arriverà l’11 giugno per UMA Records.

“Tirare le somme della propria vita accade a tutti noi, circondati da persone che le somme le hanno già tirate o le tireranno presto. Il bistrot è solo un luogo come un altro dove l’aria è pregna di parole e pensieri solitari e introspettivi che parlano di queste somme. Ma c’è sempre un mondo fuori dalla vetrina ad aspettarci e a ricordarci che – comunque possa essere andata – non è finita. E la somma, alla fine, è solo un tutto sommato.”

chiamamifaro è il progetto di Angelica Gori, 19 anni appena compiuti, accompagnata da Alessandro Belotti, di indole e stanza bergamasca ma con una forte passione per i luoghi esotici e i cactus. Come per Pasta Rossa e Domenica, anche nel caso di BISTROT la direzione artistica è di Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari.

Il nome scelto è chiamamifaro, perché la luce del faro è un posto sicuro, illumina sempre qualcosa o qualcuno. È una luce singola che non lascia solo nessuno, neanche un due. E per Angelica, il faro è il luogo in cui ha capito che la musica puó essere la sua strada.

chiamamifaro

Angelica e Alessandro si conoscono tre anni fa nei corridoi del liceo e, appena dopo la maturità, danno vita a chiamamifaro. Il 3 luglio 2020 esce Pasta Rossa (Uma Records), il singolo di debutto che supera in poco tempo mezzo milione di stream. Il secondo singolo esce il 6 novembre 2020 ed è Domenica. Spesso lavorano in studio con Riccardo Zanotti dei Pinguini Tattici Nucleari, che hanno conosciuto a un festival. In sala prove e sul palco, sono accompagnati da una full band. Angelica canta, difficilmente si separa da Alessandro.

Quando non suona balla e fa yoga, in quanto la sua passione ancora prima della musica è stata per tanti anni la ginnastica ritmica. Si ostina a piantare cactus che muoiono dopo una media di due settimane. Alessandro gioca a tennis e sogna di essere il prossimo premio Pulitzer per la narrativa, ma a differenza di Angelica ha accettato la sconfitta e si è rassegnato in entrambi i campi.

TI PIACE QUESTO BRANO?

Rocky Trail

L’ultima volta