in

Trombamici si ma un po’

di Teto D'Aprile

Trombamici si ma un po’” è il nuovo singolo di Teto D’aprile. Il brano Trombamici dal titolo inconsueto è frutto di ricerca e manifestazione di una forte maturità nella scrittura musicale dell’artista.

Oltre alle innumerevoli figure retoriche che, come sappiamo, sono sempre ingrediente principale nei suoi brani, Teto spezza il mito della poca purezza concettuale dell’essere “trombamici” per accomodare all’interno una visione realistica di una relazione finita ma non del tutto e che non pretende altro che essere felici con poco per non rischiare un altro dolore che alla fine sfocia in un ritorno insieme. È in questa contraddizione la chiave positiva del brano tutt’altro che banale testualmente parlando.

Teto D’aprile

Teto D’aprile è un cantautore salentino attivo dal 2011. Nella sua carriera tanti i riconoscimenti e tante le collaborazioni con artisti e editori noti nel panorama nazionale. Nel 2020 vince il premio nazionale Mei meeting etichette indipendenti con il brano preghiera: e non ci resta che pregare Santità i cui incassi sono stati devoluti alla Caritas di Bergamo a favore dei più colpiti causa pandemia.

Numerosi sono le riviste musicali nazionali che ha no parlato della sua musica e le sue idee. Nel frattempo inventa organizza e cura una serie di mostre dedicate alla storia delle vecchie fontanelle pubbliche, foto, documenti raccolti grazie ad una pagina facebook da lui inventata: Le vecchie fontanelle. L’idea ha riscosso un grande successo mediatico in tutta la nazione tanto da essere stata la scintilla di innumerevoli altre mostre dedicate alle fontanelle e che prima nessuno aveva fatto attirando anche l’attenzione dell’Acquedotto Pugliese.

Luglio

Valanghe